Chiudi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa sui cookie. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Scopri l'informativa.

 
 
 
   
 
 
 
 Arriva il distributore della pizza
Sette anni per realizzare la macchina, costata 10 milioni di dollari
Tratto da: Il Corriere della Sera
Arriva il distributore di "Wonder Pizza"
Margherita pronta in 90 secondi, ordinazione compresa, senza che nessun pizzaiolo ci metta mano. Negli Usa venduta a cinque dollari
PAYNEHAM SOUTH (Australia) - Non saranno di certo contenti i pizzaioli nostrani e tantomeno quelli napoletani e anche, di sicuro, gli amanti della buona pizza. Ma si sa, oramai questo alimento - specialità gastronomica tra le la più conosciute e consumate nel mondo - si può ordinare in qualsiasi posto e preparare con le più svariate ricette. Le pizzerie che conservano la ricetta italiana originale preparano la famosa pietanza principalmente in forni a legna e seguendo una preparazione con ingredienti e metodiche codificate e certificate.
wonderpizzausa.com/howitworks.htm
MARCHIO DI QUALITA' - Non a caso la pizza napoletana ha ottenuto, nel 2004, il marchio di qualità "Specialità Tradizionale Garantita" (STG). In particolare, l'unica operazione che può essere effettuata a macchina è la preparazione dell'impasto; il taglio in panetti e la manipolazione della pasta per ottenere il disco devono essere fatti a mano.
LA PIZZA AUTOMATIZZATA - Se per molti nordamericani la pizza è ancora sinonimo di una grande catena in franchising, la Pizza Hut, in Asia e in Australia si fa strada la pizza direttamente dal distributore automatico; molto simile a quello per le sigarette o le bibite. Il suo nome è "Wonder Pizza Italy", lo slogan invece "Best italian Pizza". Il marchingegno, grande come un frigorifero è stato progettato a Torino dalla Ironweld srl. Ci sono voluti sette anni per realizzare la macchina e oltre 10 milioni di dollari per la progettazione e per lancio.
PRONTA IN 90 SECONDI - In soli 90 secondi (ordinazione compresa) verrà sfornata una pizza (di 23 centimetri di diametro), senza che nessun pizzaiolo (o altri) ci metta mano. Una macchinetta può contenere fino a 102 pizze e la scelta è (per ora) tra tre differenti tipi (Margherita, Supreme e Hawaii). Il prodotto viene tostato elettronicamente e non viene usata la tecnica del microonde, assicurano i progettisti. Il costo è di cinque dollari per pizza.
USA, EUROPA, MEDIO ORIENTE E AUSTRALIA - I distributori saranno presto disponibili negli Stati Uniti, in Europa, nel Medio Oriente e Australia, assicurano dalla società. Aeroporti, ospedali, università, uffici, stadi, metropolitane, centri commerciali, la "WonderPizza", ha l'intenzione di espandere ovunque il distributore patentato. La macchinetta è già presente sul mercato americano con il marchio "Wonder Pizza Usa", così come anche in Spagna, Grecia, Messico, Norvegia, Svezia e Gran Bretagna.
Elmar Burchia
   
 
APM Associazione Pizzaioli Marchigiani, Via Isonzo 6, 62010 Morrovalle (MC) - tel.: +39 0733 221821 - fax: +39 0733 223965
mail: info@pizzamarche.com
p.iva 01413480433